Live Radio

Genio, arte del gol e magia argentina: Atalanta-Lazio ruota attorno alla sfida tra Gomez e Correa

APPROFONDIMENTO

Un tocco di Sudamerica, anzi di magia argentina, in Atalanta–Lazio. Nel segno di Alejandro Gomez e Joaquin Correa. Due attaccanti pronti a salire da protagonisti sul palcoscenico della sfida di questa sera a Bergamo. Due storie che si incrociano, ma potevano anche sovrapporsi. Prima di ingaggiare Correa nell’estate del 2018 la Lazio aveva pensato proprio al Papu Gomez come risorsa per completare il suo potenziale offensivo che stava per privarsi di Felipe Anderson. Inzaghi, in effetti, lo aveva richiesto già dall’anno prima: l’attaccante di Buenos Aires con la fantasia e l’agilità negli spazi che lo contraddistingue stuzzicava nuove trame tattiche da parte del tecnico biancoceleste. Ma i tentativi di mercato della Lazio trovarono sempre la porta chiusa dell’Atalanta.

Stasera Atalanta-Lazio girerà anche attorno ai colpi di Correa e Gomez. In prima linea a cercare il guizzo risolutivo. L’atalantino, sei reti in questa annata di A, si è riaffacciato subito da trascinatore della squadra di Gasperini. Domenica nel poker contro il Sassuolo non è entrato nel tabellino della partita, ma lo ha accerchiato in tutti i modi. Un gol annullato, uno sfiorato, il corner dell’1-0. L’avvio del 2-0 e anche l’assist per l’ultima rete. Correa ha realizzato un gol in più del Papu: sette, che segnalano il suo primato personale in campionato. È sua l’ultima rete realizzata dalla Lazio: quella del 2-0 al Bologna, nella sfida del 29 febbraio che diede il primo posto in classifica dopo 20 anni. Nella gara d’andata i loro gol si intrecciarono in un 3-3 rocambolesco. Gomez al 37’ del primo tempo firmò la terza rete nerazzurra. Correa al 25’ della ripresa fissò il bis biancoceleste. Inoltre, l’attaccante di Inzaghi ha lasciato il segno anche nella finale di Coppa Italia del 15 maggio 2019. Suo il gol del raddoppio dopo un volo a tutto campo per mandare k.o. l’Atalanta. Inoltre, particolare curioso, Correa e Gomez verranno fronteggiati da due difensori che parlano la loro stessa lingua: l’argentino Palomino e lo spagnolo Patric. C’è davvero tutto perché Atalanta-Lazio transiti per il verdetto finale dai loro colpi di magia.gazzetta.it