Live Radio

Carica di Milinkovic, l'ultima vittoria a Torino l'ha decisa proprio il Sergente

APPROFONDIMENTO

Già da sabato notte Sergej Milinkovic si è lanciato su Torino-Lazio di questa sera. Alla sua maniera: con determinazione e autorevolezza. Intascati i tre punti contro la Fiorentina, il centrocampista di Inzaghi ha già puntato il successivo obiettivo per dar forza al sogno scudetto. "Ehi amico, ricordati una cosa: Lazio non molla mai! Parola di Sergente", il suo messaggio forte e chiaro via social. Alla ripartenza del campionato il serbo si è subito espresso ai suoi livelli migliori. Una marcia in più nel motore biancoceleste. Col talento che gli assicura sempre la giocata risolutiva. A Bergamo, mercoledì scorso, con una delle sue perle ha siglato quel 2-0 che poi si è dissolto nel ribaltone dell'Atalanta.

PROTAGONISTA

Un gol che nel suo splendore ha però ancora di più messo in risalto l'importanza che può assumere Milinkovic nella volta finale del campionato. Anche come goleador aggiunto. Contro la squadra di Gasperini ha siglato la sua sesta rete stagionale (una in Europa League). Un bottino che luccica specialmente attraverso i gol segnati all'Olimpico contro Juventus e Inter, che si sono rivelati snodi importanti non solo nell'evolversi di quelle partite aggiudicate in rimonta ma anche nell'ascesa in campionato della Lazio. Nella trasferta odierna contro il Torino Milinkovic si presenta col supporto di un precedente favorevole pure in chiave personale. L'ultimo successo biancoceleste, datato 29 aprile 2018, è stato risolto proprio da un suo colpo di testa per incidere l'1-0 del verdetto di quella gara. Il serbo è poi andato in gol anche nel successivo faccia a faccia con il Torino: nell'1-1 dell'Olimpico del campionato scorso.

Gazzetta.it