Live Radio

Da "benedetta sosta" ad un'emergenza in via di peggioramento: a Crotone senza Immobile, Milinkovic e Luiz Felipe. Luis Alberto in bilico

APPROFONDIMENTO

ROMA - Niente visite mediche per Ciro Immobile, bloccato dalla Asl e assente questa mattina alla Paideia. Quando il suo rientro sembrava cosa fatta, ecco un nuovo stop. Il tampone eseguito dagli specialisti dell’ospedale San Filippo Neri, per conto della Asl, lo considera positivo. Il verdetto è arrivato al centravanti della Lazio intorno a mezzanotte, quando era già convinto di essere uscito dall’incubo. Nella stessa giornata la Scarpa d’Oro era stato sottoposto ad un altro tampone molecolare, organizzato dalla Lazio in un laboratorio autorizzato di San Giovanni, con esito diametralmente opposto: negativo a qualsiasi gene, nessuna traccia. Immobile così è rimasto in quarantena. Aspetterà altri controlli in attesa del via libera per tornare a Formello ad allenarsi (previe visite mediche di idoneità post-Covid). Difficilmente Inzaghi potrà convocarlo per Crotone e ieri in mattinata sono arrivate altre brutte notizie. E’ positivo anche Milinkovic. Un focolaio Covid ha colpito la nazionale serba. Si era già fermato Kolarov, bloccato in isolamento. Si sono aggiunti ieri Lazovic del Verona e il centrocampista della Lazio, a questo punto da considerare fuori per Crotone e quasi certamente anche per la prossima partita di Champions con lo Zenit San Pietroburgo. Si attende anche la decisione di Inzaghi su Luis Alberto dopo il caso esploso nei giorni scorsi con la società. Lo spagnolo ha chiesto scusa e si sta allenando bene a Formello. Vuole rispondere sul campo. Un’altra esclusione, per motivi disciplinari e non certo tecnici, in un momento così delicato non gioverebbe a nessuno. Simone e la Lazio, alla ripresa del campionato, si ritroveranno in emergenza come prima della sosta. E’ fuori causa anche Luiz Felipe: la società biancoceleste nell’ultima settimana non ha mai comunicato il motivo dell’assenza del difensore brasiliano.corrieredellosport.it