Live Radio

Discussione sul caso Luis Alberto: Peruzzi diserta Formello, in settimana confronto con Lotito

RASSEGNA STAMPA

Dall'acquazzone di Crotone riemergono le due certezze della Lazio. Ciro Immobile e Luis Alberto sono tornati a guidare la squadra in campionato, ora la prenderanno per mano in Champions. L'ultima apparizione di entrambi in Europa risale al 20 ottobre contro il Dortmund, in una notte magica per i biancocelesti. Poi hanno saltato le trasferte di Bruges e San Pietroburgo, perché fermati dall'Uefa dopo l'esito dei test molecolari. Domani, tamponi permettendo (oggi il risultato di quelli effettuati ieri mattina con il " Synlab"), saranno di nuovo titolari all'Olimpico contro lo Zenit (ore 21). «Un appuntamento che avrà grande peso » , ha dettoInzaghi: in palio c'è una fetta importante della qualificazione agli ottavi. Rispetto all'andata inRussia, oltre ai due top player, il tecnico ritrova anche Leiva, Strakosha, Lazzari e Radu, mentre nonavrà Milinkovic e Luiz Felipe, positivi al Covid. Lazio vincente ma senza pace. Ricucito uno strappo, ne arriva un altro: questa volta tra Peruzzi e Lotito. I due hanno avuto un'accesa discussione proprio sul caso Luis Alberto. Molto arrabbiato per le critiche dello spagnolo, il presidente sosteneva la linea ferrea: esclusione contro il Crotone,chiesta a gran voce anche alla vigilia. Il club manager invece durante la settimana aveva lavorato duramente per arrivare a un chiarimento: giusta la multa, ma dando la possibilità a Inzaghi di schierarlo titolare. Erano su posizioni opposte e Peruzzi - polemicamente - non ha partecipato alla trasferta di Crotone né si è presentato ieri a Formello. Riflette sull'addio, il dirigente, che ha un contratto fino al 2022: chiede (di nuovo, come ogni inizio stagione) che i ruoli vengano rispettati (scuola Juve) e la possibilità di incidere di più nel proprio ambito. In questo caso è il ds Tare che sta mediando (ieri telefonata con Peruzzi): tra l'ex portiere e Lotito in settimana è previsto un incontro, il chiarimento è necessario, il presidente cercherà di trattenere il club manager. D'altronde conosce bene l'importanza della figura di Peruzzi, determinante negli ultimi anni per tenere unito il gruppo, sbrogliare vicende spinose ( con Keita e Felipe Anderson, per esempio) e creare l'atmosfera giusta all'interno dello spogliatoio. Anche Inzaghi e i giocatori apprezzano il lavoro di Peruzzi, che non accetta intromissioni nel suo campo. Di certo, la Lazio continua a viaggiare in una perenne tempesta (in corso le due inchieste sul caso tamponi): alla prima uscita ufficiale, anche il nuovo aereo biancoceleste è diventato subito oggetto di strumentalizzazione mediatica. Società irritata perché gli unici problemi che il Boing 737- 300 ha incontrato riguardavano il maltempo: venerdì atterraggio da brividi per la bomba d'acqua e al ritorno il mezzo è rimasto bloccato all'aeroporto di Crotone, chiuso perché inagibile (allagato e al buio). Così la squadra è rientrata con un altro volo da Lamezia Terme.

la Repubblica