Live Radio

Inzaghi ad un passo dalla storia: "Vicino ad un grande traguardo, Haaland osservato speciale, Reina-Strakosha una risorsa"

DICHIARAZIONI

"Sappiamo che siamo vicini a un ottimo traguardo, però ci manca ancora qualcosa, ci sono due partite da disputare: domani abbiamo una gara molto importante contro una, a parere mio, delle migliori squadre d'Europa con un ottimo potenziale”. Parla così ai microfoni di Sky Sport Simone Inzaghi alla vigilia della sfida di Champions contro il Borussia Dortmund in Germania - mercoledì ore 21 su Sky Sport Arena (satellite e internet), Sky Sport 253 (satellite e internet) e Sky Sport 484 (digitale terrestre) - che potrebbe regalare l’approdo agli ottavi di finale con una giornata di anticipo. "All’andata abbiamo vinto cominciando con il piede giusto questa Champions, manca ancora qualcosa per l’aritmetica certezza del passaggio turno, ma bisogna entrare tra le prime 16 d'Europa, per noi sarebbe un grandissimo traguardo", ha proseguito l’allenatore biancoceleste. Che ha chiesto alla squadra una reazione immediata dopo la sconfitta contro l’Udinese in campionato: "Domenica abbiamo peccato di presunzione, si può perdere una partita ma non in quel modo. L’abbiamo analizzata, dobbiamo resettare al più presto e guardare avanti. Abbiamo lavorato 4-5 anni per entrare in Europa e vogliamo giocarci questa Champions al meglio delle nostre forze".

Tra i protagonisti più attesi del match c’è sicuramente l’ex Immobile: "È sempre molto continuo e non solo per i gol, ma anche per le prestazioni e per l’apporto che dà alla squadra. Poi anche Haaland sarà un osservato speciale: è un grandissimo giocatore, capace di segnare in ogni partita”, ha ammesso Inzaghi. Che non si sbilancia sul portiere che scenderà in campo dal primo minuto: "Strakosha o Reina? Non deve diventare un problema, ho dei dubbi di formazione come in tutti i ruoli. Questo deve continuare a essere una risorsa per noi". Lazio che giocherà con il lutto al braccio per la scomparsa del portavoce del club Arturo Diaconale: "Una bruttissima notizia, era un grandissimo laziale con cui ho avuto la fortuna di collaborare negli ultimi 4 anni. Metteva tanta dedizione nel lavoro, è una grande mancanza, mi unisco al dolore della famiglia. Ci eravamo visti 4 mesi fa a una cena da lui organizzata, credevo che le cose andassero meglio ma purtroppo la vita è imprevedibile", ha concluso Inzaghi.

Skysport