Live Radio

'QDL' - Mazza: "Giocattolo rotto, le vita va avanti la Lazio si è fermata al pre-lockdown". Turco: "Non è stato colto il segnale che oltre non si poteva.."

PAROLA ALL'OPINIONISTA

MAURO MAZZA in collegamento a 'QDL': "Credo che il giocattolo Lazio si sia rotto. Forse c'è ancora una possibilità remota di riprendere il cammino antico, in caso contrario va presa coscienza che la stagione più importante è diventata tra le peggiori. Nel tempo le cose cambiano, la vita va avanti, gli altri anche, la Lazio si è illusa che potesse ripristinare tutto quello che era prima del lockdown senza aggiungere cose importanti, questo errore è stato fatale. Chi non fa non falla, Tare ha fatto molto, nel bene e nel male. Il mercato della scorsa estate è sotto accusa, ma siamo sicuri che sia colpa di Tare se Silva non sia arrivato alla Lazio? Mi auguro che il chiarimento di cui si parla ora a Formello vada davvero nella direzione giusta. Siamo convinti che tutti le componenti vogliano ripartire? Bisogna ritrovare l'umiltà in campo e la consapevolezza che un ciclo è finito fuori".

FRANCESCO TURCO in collegamento a 'QDL': "Sono stata molto critica da subito sul mercato. Ritenevo che nessun nuovo arrivo potesse insidiare un titolare. E' stata una campagna incompleta e schizofrenica, poi va detto che a deludere sono stati soprattutto i senatori. Stanno mancando i giocatori più rappresentativi. Inzaghi ha avuto il merito di allungare un ciclo che poteva chiudersi prima. Non è stato colto il segnale che di più non si poteva fare. Il mercato è stato fatto con un errore concettuale, ma va detto che che il budget era risicato. Il fatto che oggi Lotito si arrabbia va bene, ma la narrazione della famiglia Lazio felice che risolve le cose con il sorriso non piace. A volte, quando le cose non vanno, bisogna anche cercare di un confronto duro che possa portare ad un rinnovamento. La Lazio ora ha perso troppo terreno, ma Lazio deve fino all'ultima giornata cercare di riprendersi il quarto posto. Se non sarà Champions, saresti costrutto ad una rivoluzione tecnica completa".