Live Radio

Fares e Correa convocati per il derby. Strakosha out, ma il portiere sbuffa...

RASSEGNA STAMPA

Luis Alberto e Caicedo firmano il regalo per i 121 anni. La Lazio festeggia il compleanno a Parma con la seconda vittoria consecutiva: in campionato era successo soltanto a inizio novembre, con Bologna e Torino. C'era bisogno di trovare continuità dopo il successo con la Fiorentina, per rimanere nella corsa Champions e trovare entusiasmo in ottica derby. « Queste due vittorie ci danno autostima e fiducia - dice Simone Inzaghi - in vista della sfida di venerdì sera con la Roma: sappiamo cosa rappresenta per i tifosi e per noi. Cercheremo di prepararla nel migliore dei modi, può essere la svolta del nostro campionato » . Secondo centro consecutivo per Caicedo, arrivato a 7 gol in stagione. In Serie A è a quota 6 su 7 presenze da titolare e viaggia a una media di una rete ogni 110 minuti. Inzaghi se lo tiene ben stretto: « È sempre stato fondamentale, siamo felici di averlo. Vogliamo che rimanga con noi. Il mercato? Abbiamo un ds bravissimo, io spero solo di poter giocare al completo dopo dieci mesi: mi mancano Lulic, Fares e Correa». Saranno convocati per il derby, mentre rischia di non esserci Strakosha. Ieri il portiere non era a Parma: " Trauma distrattivo alla coscia destra", ha assicurato la società attraverso un comunicato. Ma è anche vero che l'albanese è scontento perché gli è stato preferito di nuovo Reina. E avrebbe bloccato le trattative per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2022. In ogni caso, lo spagnolo ha dato ragione alla scelta di Inzaghi con una prestazione super ( sullo 0- 0 gran parata su Cornelius) e ha mantenuto la porta inviolata (per la Lazio è la quarta volta quest' anno). La tenuta difensiva è una delle note più positive della trasferta del Tardini, così come la condizione fisica e mentale della squadra nel secondo tempo. Era solita iniziare bene per poi calare nella ripresa: invece i biancocelesti ieri hanno segnato i due gol decisivi dopo l'intervallo rimanendo concentrati fino alla fine. Contro il Parma sono arrivate risposte confortanti anche dai due big di centrocampo: Luis Alberto ha aperto le marcature con un destro chirurgico, su cross di un ottimo Lazzari al secondo assist di fila, mentre il Milinkovic ha propiziato il 2- 0 di Caicedo con un tocco di classe, sotto la palla, a beffare il portiere Sepe. Oltre all'assist ( il 7° stagionale), il serbo ha avviato l'azione dell'1-0. «Sono il Sergente e amo vincere. Questo è quello che la mia Lazio deve fare», ha scritto sui social, riscaldando il clima per il derby: «Abbiamo 4-5 giorni per prepararlo al meglio, questa vittoria ci motiva ancora di più». Contro i giallorossi, terzi con 6 punti in più, servirà ritrovare il miglior Leiva, che ieri ha collezionato la 100esima apparizione in A. Domenica speciale anche per Radu: il difensore romeno ha raggiunto a quota 394 presenze Pino Wilson al secondo posto nella classifica all-time della storia laziale: al primo c'è Favalli a 401. k Implacabile Felipe Caicedo (32 anni) ha firmato la rete del 2-0 a Parma, quella che ha chiuso il match.. L'attaccante ecuadoriano è a quota 7 gol in stagione, di cui 6 in campionato (con 7 gare da titolare). Viaggia alla media di una rete ogni 110 minuti.

la Repubblica