Live Radio

Inzaghi, carica derby: "Vedo gli occhi giusti, non possiamo sbagliare. Noi attardati, ma la Champions non è l'Europa League. Lulic? Speriamo subito in un suo contributo" (AUDIO)

FORMELLO

È la vigilia del derby della Capitale. Domani Lazio e Roma si affronteranno all'Olimpico (ore 20.45) e la gara verrà presentata oggi, alle 13.30, dal tecnico biancoceleste Simone Inzaghi, che prenderà parola presso la sala stampa di Formello. 

Chi ha più da perdere in questo derby?
"Penso che sappiamo tutti quello che rappresenta il derby qui a Roma. Tutte e due le squadre rischiano. Per noi domani sarà importante, vogliamo dare seguito alle due vittorie fatte. La stagione dice che la squadra ha sempre fatto bene alcune partite. Ho visto gli occhi dei ragazzi consapevoli della posta in palio in questo derby anomalo, senza tifosi, che però ci saranno con il cuore, lo stesso che dovremmo mettere noi in campo".

Che partita dovrà fare la Lazio?
"La Roma è un'ottima squadra con un allenatore che stimo molto. Penso che la mia Lazio però non sia da meno: dovremo avere corsa, aggressività e determinazione. Sappiamo che non possiamo sbagliare, non ci devono essere errori".

Quanto è importante il ritorno di Lulic?
"Siamo tutti contenti. È il nostro capitano, fuori da 11 mesi. Ha sofferto tantissimo e ora sta molto meglio: è un punto di riferimento nello spogliatoio. Spero che già da domani possa darci un contributo in campo".

La formazione?
"Vedremo oggi, poi sceglierò la squadra migliore".

Pesa l'assenza dei tifosi?
"Peserà tantissimo, come sta pesando da dopo il lockdown. Ho alcuni giocatori che ne hanno bisogno".

Una terza vittoria consecutiva potrebbe essere la svolta?
"A livello di motivazioni potrebbe essere importantissima. In classifica siamo in ritardo e dobbiamo concentrarci solo sulla prossima partita. Non ci è mai successo di vincere 3 partite di fila quest'anno, sarebbe fondamentale. Noi abbiamo fatto la Champions, la Roma l'Europa League: sono competizioni diverse da preparare".

Chi mancherà domani?
"Sicuramente Cataldi e Fares, mentre adesso intensifichiamo il lavoro con Correa e vediamo se ci sarà. Immobile e Luis Alberto? Ho solo notizie positive".

tuttomercatoweb.com