Live Radio

Il commento di Sconcerti: "Lazio e Juventus esempi di modernità"

RASSEGNA STAMPA

La partita della Lazio è finita sul palo di Keita. Aveva bisogno di contropiede e non l’ha più trovato. La Juve è andata in vantaggio, Parolo ha lasciato il campo, due episodi irrecuperabili. la Juve ha così trovato il primo trofeo della stagione. Non era facile, aveva Khedira e Pjanic fuori, tutto il suo centrocampo. Inzaghi si è trovato dopo dieci minuti con una squadra inadatta, piena di difensori e corridori, ma spezzata in due, senza capacità di costruire. È entrata in partita nella ripresa quando è arrivato Anderson e la Juve ha confermato il non correttissimo momento della sua difesa. Dani Alves mi è sembrato determinante. È stato comunque un grosso spettacolo dentro lo stadio pieno, avvolto dalla più grande burocrazia del Paese schierata dentro il lusso della partita. Una mescolanza di sport, show business e vecchia politica, un’italianità complessa, ma alla fine reale. Il tratto comune della gara è stata l’impronta europea della partita accanto alla forte italianità delle due squadre. Juve e Lazio cercavano gli spazi nella stessa maniera. Ma per la prima volta si è avuta l’impressione di qualcosa che è andato oltre il semplice destino italiano. Molti lanci, molti scatti, molti tiri, non uno spettacolo sempre eccitante, ma vero, tempi corti per pensare e chiudere l’azione. Pur dentro le scorie della partita, Lazio e Juve sono i migliori esempi di questa nuova modernità che sembra aver preso l’Europa. Ormai sono molti i sintomi. Conte ha vinto in Inghilterra dopo Ranieri e Ranieri aveva vinto subito dopo Ancelotti e Mancini. La stessa Juve è un riferimento obbligato in Champions, quindi nel Continente. Il Real di Zidane gioca un calcio che è una evoluzione diretta del nostro. Ed è avvenuta nel frattempo l’involuzione naturale di Guardiola e del Barcellona. Non è un ridimensionamento, è un passo naturale. Poi toccherà a noi farci di nuovo da parte. Ma oggi vince questa potente evoluzione di un calcio empirico, pratico: non è più l’idea che va verso la palla, ma viceversa, è la palla a volere l’idea. Quindi, vincono velocità, movimento, ricerca svelta della profondità. Intelligenza, non metodo. All’Olimpico ne abbiamo visti fortissimi accenni. Ma credo sia solo l’inizio. L’appuntamento è a Cardiff.

Il Corriere della Sera 

Tempo di esecuzione: 0.05995512008667
Controller: Articoli
ID Pagina: 631
Elemento caricato: Articolo #631
Moduli: ORM, Mobile, Db, Router, Meta, DefaultView
Template: default/articoli
Loading ID: b643da354db0fac2
View: DefaultView
Numero di query eseguite: 13
Numero di query preparate: 0
Lista tabelle interrogate:
/var/www/radiosei.it/public_html/func.php:124:
array (size=8)
  'articoli' => int 1
  'main_settings' => int 2
  'pagine' => int 2
  'categorie' => int 1
  'podcast' => int 1
  'spazi_pubblicitari' => int 2
  'pubblicita' => int 2
  'pubblicita_impressions' => int 1