Live Radio

Caicedo, il bomber di scorta sa renderti Felipe

RASSEGNA STAMPA

FROSINONE Aggancio alla Roma e Champions distante un solo punto. La Lazio a Frosinone ottiene il massimo con il minimo. Vittoria numero 300 in trasferta. Bastano una zampata di Caicedo e una gran parata di Strakosha per conquistare i tre punti che portano i biancocelesti a quota 35. La buona notizia è che la porta resta inviolata, non accadeva dalla sfida con il Bologna del 26 dicembre, solo 2 volte nelle ultime 19 gare. Un successo, come prevedibile, sofferto perché la squadra di Baroni, mai vincente nel nuovo impianto (l'ultima volta è stata ai playoff), lotta con la forza della disperazione. La Lazio ha le gambe un po' pensati complici i 120 minuti di San Siro e per questo gioca una gara sporca e di sacrificio. Il sorriso per la vittoria è incrinato però dall'infortunio a Luis Alberto: ancora una volta è l'adduttore a tradirlo. Cala ancora il buio sul Frosinone costretto ad un nuovo stop dopo il roboante successo di domenica scorsa sul Bologna.
TANTI ERRORIInzaghi vara un mini turnover. Un modo per far riposare qualcuno in vista del tour de force che aspetta i biancocelesti nei prossimi giorni e per cercare risposte su chi può essere utile alla causa fino in fondo. Dentro Badelj e Durmisi al posto degli stanchissimi Leiva e Lulic. Partita spigolosa con il Frosinone che si chiude e riparte. La Lazio fa la partita ma, soprattutto nelle prima fasi, fa fatica a trovare il pertugio giusto per il gol. I gialloazzurri non rinunciano al gioco, anzi. L'occasione più grande capita però sui piedi di Caicedo che è bravo a girarsi in area ma non altrettanto a calciare a rete. L'angolano si muove bene in avanti offrendo spesso l'uno due al compagno. E' lui l'incaricato da Inzaghi di andare a fare la lotta con i centrali di Baroni per liberare lo spazio ad Immobile. L'altra chiave è Luis Alberto che ormai gioca da trequartista arretrato. Agisce da mezza ma si sposta spesso tra le linee andando a prendere spesso la palla dietro costruendo la manovra. Difficile marcarlo in quella posizione. L'idea di Inzaghi di arretrarlo ha dato nuova verve allo spagnolo. Dietro i biancocelesti scricchiolano un po'. Bastos rischia un rigore su Ciano che l'arbitro Fabbri prima assegna, poi toglie grazie al var. Un brivido lungo la schiena di Immobile e compagni. Lo spavento però non dà la giusta scossa tanto che è il Frosinone a continuare a spingere forte. La Lazio gioca in contropiede e proprio da una fiammata di Luis Alberto nasce il vantaggio. Stavolta Caicedo è bravo con il mancino a battere Sportiello. Troppo larghe le maglie della difesa di Baroni che urla di tutto ai suoi dalla panchina. 
STRENUA RESISTENZANon crea certo meno problemi la difesa laziale ad Inzaghi. Bastos va spesso in affanno e Radu ogni tanto si perde la marcatura. La fortuna è che Pinamonti e Ciano non riescono mai ad approfittarne. Il tecnico biancoceleste cambia assetto mettendo dentro Leiva e Berisha con il norvegese schierato molto alto sulla linea di Luis Alberto: una sorta di 3-4-2-1. Ma la notte del mago diventa buia quando a metà secondo tempo sente un dolore all'inguine sinistro e deve uscire dal campo. Una brutta botta per la Lazio che rischia di perdere uno dei giocatori più in forma in questo momento. Resta un po' di apprensione anche se si parla solo di un crampo. Inzaghi manda dentro Lulic e il baricentro della sua squadra inevitabilmente si abbassa. Tanta sofferenza nel finale con il Frosinone che attacca a testa bassa alla disperata. Miracoloso Strakosha. I biancocelesti tengono botta e conquistano un successo importantissimo in chiave Champions. Ora giovedì sfida all'Empoli. 

Il Messaggero

Tempo di esecuzione: 0.92636919021606
Controller: Articoli
ID Pagina: 7935
Elemento caricato: Articolo #7935
Moduli: ORM, Mobile, Db, Router, Meta, CookieLaw, DefaultView
Template: articoli
Loading ID: dcc06772dde92791
View: DefaultView
Numero di query eseguite: 25
Numero di query preparate: 0
Lista tabelle interrogate:
/var/www/radiosei.it/public_html/func.php:124:
array (size=8)
  'articoli' => int 1
  'main_settings' => int 2
  'pagine' => int 2
  'spazi_pubblicitari' => int 5
  'pubblicita' => int 5
  'pubblicita_impressions' => int 4
  'categorie' => int 1
  'podcast' => int 1